Home -> Isolamento -> Isolamento termico delle PARETI 

Isolamento termico delle PARETI

UN COSTO MINIMO PER RIDURRE LA DISPERSIONE DI CALORE SU PARETI VUOTE

La tua casa ha le intercapedini dei muri vuote

Milioni di abitazioni e condomini in Italia e nel mondo sono state costruite lasciando un vuoto tra le due file di mattoni che compongono i muri esterni. Questa tecnica serviva in parte per pareggiare lo spessore dei pilastri in cemento che creano lo scheletro dell'edificio ed in parte per creare uno strato d’aria che spesso si credeva essere un buon isolante.
Quest’ultima teoria è solo in parte confermata dalla scienza moderna in quanto si è constatato che solo i primi 2 o 3 cm di aria ferma sono un buon isolante, mentre con l’aumentare dello spazio cominciano a muoversi le particelle d’aria che aiutano a disperdere il calore. Questo avviene ancora più velocemente se l’intercapedine non ermetica, comunica con la nicchia dei cassonetti delle tapparelle avvolgibili, per cui in inverno il calore che trapassa la prima foratina interna esce velocemente dalla feritoia dove scende la tapparella, insomma è come avere i muri fatti di un solo mattone sottile. Con la tecnica dell’insufflaggio si ferma questa ventilazione interna ma soprattutto si crea uno strato altamente isolante che frena il passaggio del calore e riduce i costi sia di riscaldamento che di raffrescamento della tua casa, basti pensare che ogni metro quadrato di intercapedine isolata con 10-12 cm porta ad un risparmio di 6—7 metri cubi di metano all’anno.

Come isolare i muri
Attraverso la tecnica di insufflaggio a secco, la fibra di cellulosa viene spinta all'interno delle intercapedini vuote con l’utilizzo di una turbina apposita che dà la giusta consistenza ai fiocchi a seconda dello spessore da riempire. Con questo sistema si sfruttano e si isolano tutte quelle parti dell'edificio che disperdono calore e dove sarebbe molto più costoso l’utilizzo di altri metodi di cappotto termico sia esterno che interno e senza alterare l’aspetto fisico delle superfici coibentate.
Durante ogni intervento viene eseguita la video ispezione dell'intercapedine per controllare eventuali impedimenti e garantire l'uniformità dell'applicazione che avviene praticando dei piccoli fori del diametro di 2,5÷3 cm e alla distanza di circa 1÷1,5 metri, sufficienti per riempire totalmente l'intercapedine con un compatto e inalterabile strato di isolante perfettamente traspirabile al vapore acqueo ma difficilmente attraversabile dal calore.
L'applicazione si svolge in una giornata il lavoro e senza comportare disagi per il committente: la preparazione dei fori per l’insufflaggio da fare internamente o esternamente ai muri avviene con l’utilizzo di punte aspiranti per ridurre al minimo la formazione di polveri e con la chiusura preventiva di eventuali fori comunicanti con l’intercapedine che in alcuni casi sono presenti all’interno dei cassonetti o cellini dell’avvolgibile della tapparella scorrevole, l'ambiente rimane pressoché pulito e non c’è da coprire o spostare quasi nulla. I fori vengono chiusi a filo muro e possono diventare invisibili dopo il semplice ritocco di un imbianchino.  

Sezione del modellino che raffigura l'intercapedine vuota che milioni di abitazioni potrebbero riempire con la fibra di cellulosa Videoispezione interna della parete da isolare Vista interna di una parete con intercapedine vuota da riempire con fiocchi di cellulosa
Isolamento casa in tutta Italia
SIAMO OPERATIVI IN TUTTA ITALIA
CHIAMACI PER TROVARE L’OPERATORE PIÙ VICINO A TE.
Numero verde Isolare
CERCHIAMO NUOVI OPERATORI PER TOSCANA, MARCHE E MOLISE